Il DDL anti-innovazi...

L’11 dicembre è stato approvato alla Camera il Disegno Di Legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico” la cui discussione in Senato è iniziata il 9 Gennaio scorso. Il testo non...

Analisi sui Vaccini ...

Scoppia la polemica attorno allo studio sui vaccini promosso da CORVELVA, nota associazione free-vax sostenuta, anche economicamente, dall’Ordine Nazionale dei Biologi. La notizia, rilanciata in prima pagina da Il Tempo, con tanto di intervista al presidente dell’Ordine Vincenzo...

Obbligo di iscrizione agli Ordini: il CUN si pronu...

Dopo la sollevazione dei giorni scorsi contro il presunto obbligo di iscrizione agli Ordini di riferimento per Chimici, Fisici e Biologi, inclusi coloro che operano nel mondo della ricerca, arrivano le prime risposte. Il parere rilasciato ieri dal CUN è infatti netto e inequivocabile: non deve sussistere l’obbligo per chi opera nel mondo della ricerca e, in ogni caso, un qualsiasi obbligo andrebbe comunque confinato all’ambito sanitario. Ora la palla torna ai ministeri. Tutta la vicenda, che ha portato tra l’altro al lancio di una petizione on line cui ha aderito anche ANBI, nasce da una interpretazione della legge 3/2018...

Una petizione contro l’iscrizione obbligator...

ANBI sta seguendo con viva preoccupazione quanto sta avvenendo in tema di riordino delle professioni sanitarie così come configurato dalla legge 3/2018. Tale riordino, secondo le interpretazioni correnti promosse dagli Ordini, infatti andrebbe ad impattare in modo significativo non solo su chi realmente svolge una professione sanitaria, ma anche su tutti gli altri laureati, a partire da coloro che si occupano di ricerca o operano in industria, i quali sarebbero – secondo tale interpretazione – obbligati all’iscrizione all’Ordine diversamente da quanto avviene oggi. ANBI ritiene che il ruolo degli Ordini sia fondamentale per...

ANBI esprime solidarietà ai Ricercatori del CREA

L’Associazione Nazionale Biotecnologi Italiani (ANBI) intende dimostrare tutta la sua solidarietà ai ricercatori del CREA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria), Centro di Ricerca Genomica e Bioinformatica, sede di Montanaso Lombardo (LO), oggetto nel mese di ottobre di un attacco vandalico da parte di un movimento anarchico che ha provocato danni per circa 80.000 € alla collezione di varietà e specie selvatiche di melanzana e asparago lì conservata (un patrimonio unico in Italia e tra i pochi al mondo). La notizia è stata diffusa solo in questi giorni per non intralciare le indagini in...

ANBI e FIBio chiedono all’Ordine dei Biologi...

Le Associazioni dei Biotecnologi chiedono all’Ordine dei Biologi di cambiare metodi e politiche su formazione, professione e libertà d’associazione   ANBI (Associazione Nazionale Biotecnologi Italiani) e F.I.Bio. (Federazione Italiana Biotecnologi), le associazioni di riferimento dei biotecnologi italiani, sono state invitate ad intervenire al Forum dei giovani Biologi, organizzato dall’Ordine Nazionale dei Biologi lo scorso 8 novembre a Firenze. Le Associazioni hanno accettato l’invito con l’intento di portare a conoscenza dell’Ordine quanto il corrente sistema ordinistico ancora non garantisca un pieno...

Daniela Profico nuov...

In occasione dell’Assemblea 2018, svoltasi a Verona lo scorso 14 aprile, si sono tenute anche le elezioni per il rinnovo del Collegio dei Probiviri. Francesco Lescai, presidente del collegio negli ultimi 9 anni, ha passato il testimone a Daniela Profico, socia ANBI da 10 anni, e già...

CRISPR e il dovere d...

Il Collegio dei Probiviri dell’Associazione Nazionale Biotecnologi ha rilasciato un parere deontologico su CRISPR e le nuove tecnologie di genome editing che allinea l’Italia alle più recenti dichiarazioni internazionali su tecnologia e responsabilità degli scienziati. Le...