L’Italia non è meritocratica per educazione Feb22

L’Italia non è meritocratica per educazione

Da ieri abbiamo un nuovo Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, ed è appassionata di merito. Già un anno fa aveva posto la sua attenzione su questo tema in particolare per quanto riguarda l’Università. A mio avviso però forse, per creare la coltura del merito, bisogna cominciare un (bel) po’ prima.   Cerco in questo pezzo uscito oggi su Strade di spiegare il perché. La parola meritocrazia piace molto eppure, sembrerà banale, per essere un paese meritocratico bisogna anche fare in modo di esserlo. E noi, a dirla tutta, ci siamo impegnati a fondo per non esserlo. Fin da piccoli. E’ inutile ripetere i dati...

Contra spocchiam Gen17

Contra spocchiam

Guardando alle conversazioni che si stanno accartocciando all’interno della comunità scientifica nazionale, in primis quella attorno alla scelta di Caterina Simonsen di intervenire nel dibattito sulla Sperimentazione Animale, provo una sensazione di disagio molto forte. Ho come l’impressione che noi si sia troppo intelligenti per non trovare cose che ci dividono, ma troppo poco per riuscire a superarle insieme. Siamo 4 gatti, poco più dell’1×1000 di questo paese, eppure, sarà anche a causa della nostra passione riduzionista, riusciamo sempre a dividerci, e meno siamo più ci dividiamo. Non stupiamoci però se poi il...

2014: trasparenza e condivisione Dic31

2014: trasparenza e condivisione

Oggi è la giornata degli auguri e dei (buoni) propositi. Almeno dovrebbe. Il 2013, va detto, non è stato un buon anno per la scienza, almeno nel nostro disastrato paese. Siamo stati infatti capaci di estendere il “trattamento OGM” anche a staminali e sperimentazione animale, con contorno di minacce. Non un primato di cui vantarsi, ma che è comunque destinato a rafforzarsi visto lo spazio che ancora riescono a trovare proposte surreali come ad esempio questa. Per il 2014 non mi aspetto dunque grandi miglioramenti su tali fronti. Le mie aspettative sono riposte piuttosto sul mondo della ricerca e mi domando se saprà essere...

Amflora e Stamina: quando avere ragioni non basta Dic17

Amflora e Stamina: quando avere ragioni non basta

Alla Scienza (e agli scienziati) piace avere ragione. Di converso detestano essere contraddetti. A loro discolpa va detto che spesso ci beccano e che, a volersi mettere contro le evidenze scientifiche si finisce sempre con il farsi del male. Ma non è questo il punto delle 2 parole di oggi. In pochi giorni abbiamo avuto modo di assistere a due clamorosi “ribaltamenti” di fronte su altrettante spinose vicende a sfondo scientifico: l’annullamento della Commissione di Valutazione per Stamina e l’annullamento dell’autorizzazione UE per la patata OGM Amflora. Se qualcuno fosse ancora all’oscuro dei fatti, può...

Seralini: peso el tacon del buso Nov30

Seralini: peso el tacon del buso

L’articolo di Seralini è stato ritrattato. Il nesso tra OGM e tumori è ancora tutto da dimostrare. Tutto bene? Non proprio. Peso el tacon del buso Pare che questa volta la toppa sia peggio del buco, vediamo perché. Il vero problema dell’articolo di Seralini sta in un fatto estremamente banale: Tutti i suoi errori sono marchiani e estremamente evidenti Gli errori metodologici risultano evidenti, dando anche solo un’occhiata, a chiunque abbia fatto un esame di statistica. L’uso non particolarmente etico degli animali, che presentano masse tumorali grandi come noci, balza subito all’occhio (vi immaginate cosa...

Biotecnologie: una promessa da mantenere

Come anticipato, comincia la collaborazione di Prometeus con la rivista Strade. Oggi esce il numero zero dove presentiamo qualche numero e riflessione su cosa sta succedendo alle biotecnologie italiane. Buone strade!   @DNAyx @s_maccaferri   IL FUTURO DELLE BIOTECH ITALIANE, UNA PROMESSA DA MANTENERE OTTOBRE 2013 / SCIENZA E RAZIONALITÀ 16 Ottobre 2013 di Davide Ederle e Simone Maccaferri Terzi in Europa per numero di imprese, ultimi per numero di addetti e capacità di accesso ai finanziamenti. Storia, prospettive e contraddizioni di un settore in attesa di un domani. Le biotecnologie sono il futuro, sono circa vent’anni che...

Investiamo (sul)le biotecnologie Set19

Investiamo (sul)le biotecnologie

Oggi i ricercatori scenderanno in piazza per difendere la ricerca biomedica italiana da alcuni emendamenti animalisti che sono riusciti a trovare supporto politico. Il rischio, se approvati, è di compromettere non solo lo sviluppo di nuove terapie, ma anche di mettere fuorilegge pratiche mediche consolidate ed efficaci come il trapianto di valvole cardiache biologiche. Lasciatemi dire che però questo, a mio modesto avviso, non è il nostro principale problema. Questo è, se vogliamo, solo l’esito, l’epifenomeno, di un qualcosa che non funziona ad un livello più profondo nel sistema paese. Cerco, in 2 parole, di spiegarmi. Lo...

Un’Italia a km 0? Lug09

Un’Italia a km 0?

Le 2 parole di oggi vorrei spenderle per cercare di capire se (e quanto) è sensato parlare di un’Italia a km 0. Il mito dell’autarchia produttiva e alimentare (al traino spesso di quella culturale) ha origini antiche. Esso trova uno dei suoi esempi storici più interessanti nella Dinastia Ming che, attorno alla metà del 1400, decise di chiudere la Cina in sé stessa e di distruggere la sua potente flotta che fino ad allora aveva solcato in lungo e in largo l’oceano.   Esso sta alla base della politica espansionista di Hitler, e del suo concetto di “spazio vitale” (Lebensraum), e anche della battaglia del...

Italy4science 2014 Giu09

Italy4science 2014

Le mie 2 parole di oggi, ancora a caldo, sono dedicate a tutti coloro che si sono spesi per la riuscita della giornata di ieri: Complimenti a tutti. Per chi se lo fosse perso, ieri c’è stata la manifestazione nazionale Italy4science per cercare di far sentire anche la voce dei ricercatori nello scalcinato dibattito scientifico che vanta (o merita) questo paese. Ora Prometeus sta raccogliendo i materiali dalle diverse location e nei prossimi giorni vedrà di renderle disponibili, in modo quantomeno fruibile, come ha già fatto per l’evento di Pavia, cui ha partecipato direttamente. Già che ci sono, colgo l’occasione anche...

Autismo e cibo biologico sono correlati, e allora? Giu01

Autismo e cibo biologico sono correlati, e allora?

Le 2 parole di oggi sono dedicate a uno degli errori più frequenti che i “non del mestiere” compiono nel leggere i dati scientifici, ovvero quello di confondere una correlazione con una causalità. Guardiamo ad esempio questo grafico: Mostra l’andamento nelle vendite di prodotti biologici e il numero di individui diagnosticati autistici. E’ indubbio che queste 2 curve mostrino una forte correlazione. C’è forse qualcuno pronto a sostenere che vi sia anche una causalità tra i 2 fenomeni? Che l’aumento del consumo di prodotti biologici aumenti in modo diretto i casi di autismo? O che i casi di autismo...