Se Infascelli fosse Professore all’estero?

Qua in Danimarca, quando si parla di frode scientifica, viene in mente subito il caso di Milena Penkowa: una famosa neuroscienziata che è stata condannata per aver falsificato numerosi lavori, dalla tesi di dottorato a 15 dei 79 lavori posti sotto esame. La Penkowa è stata messa sotto procedimento per la revoca del titolo di dottorato, e ha perso il proprio posto da Professore all’Università di Copenhagen oltre ad essere stata condannata con la condizionale da un tribunale. La risposta al titolo di questo articolo potrebbe essere già questa. Il caso Infascelli, che ha il merito di aver portato per l’ennesima volta la ricerca...

La Gran Bretagna alla guida della Medicina di Prec...

È il Festival of Genomics di Londra a dare la misura di quanto molti paesi stiano facendo passi da gigante per portare le ultime tecnologie e scoperte della Genomica nella pratica clinica di tutti i giorni. Non è un caso che sia a Londra, in Gran Bretagna che ha creato il progetto “Genomics England” come parte integrante di una rivoluzione del Sistema Sanitario Nazionale. Il Ministro per le Scienze della Vita, George Freeman, ha dichiarato “Il giorno in cui apriremo lo Champagne sarà il giorno in cui un nostro paziente, attraverso una corsia accelerata, sarà il primo al mondo a ricevere una terapia personalizzata...

Ci lascia il padre d...

All’età di 78 anni, si è spento lunedì ad Aarhus Brian Clark, figura fondamentale della biologia molecolare e uno dei padri fondatori delle Biotecnologie moderne. Brian, insieme a Kjeld Marcker, dimostrò nel 1966 che la sintesi proteica in Escherichia coli iniziava con una...

La politica non ha bisogno della scienza

La versione inglese di questo articolo è disponibile qui. La scorsa settimana ho partecipato allo European Congress of Biotechnology, all’interno del quale ha trovato spazio una bella sessione sul tema della Ricerca e Innovazione Responsabile. Dopo una giornata molto produttiva, alla cena per i relatori ho avuto la fortuna di sedere accanto alla professoressa Anne Glover, microbiologa eccezionale e persona brillante. La Glover è dal 2012 Consigliere Scientifico Capo del Presidente della Commissione Europea. Durante la cena stava raccontando le molte difficoltà nella raccolta di prove indipendenti a supporto dei processi...

Politics doesn’t need Science

Last week I was attending the European Congress of Biotechnology, where a nice session was organised on the topic of Responsible Research and Innovation. After a very productive day, at the speakers’ dinner I was lucky enough to seat next to Professor Anne Glover, a bright microbiologist and a brilliant person to talk to. Prof Glover was appointed in 2012 as Chief Scientific Adviser to the President of the European Commission.  During dinner she was talking about the many difficulties in independent evidence gathering during political processes at the European commission and how much scientific based evidence is lost during decision...

Alla caccia delle vere cause dell’autismo

Mentre nei tribunali italiani si discute ancora del presunto legame tra autismo e vaccino trivalente (MPR), nato da un fraudolento studio del ’98, ritirato dalla rivista su cui era stato pubblicato e smentito da numerose ricerche successive (un’interessante sintesi si trova qui), un gruppo di ricercatori statunitensi pubblicano un lavoro su New England Journal of Medicine, che descrive per la prima volta con dettagli molecolari i difetti dello sviluppo della corteccia cerebrale che insorgerebbero precocemente nello sviluppo fetale. Questo studio ha avuto un’ampia risonanza nei media perché conferma con una dettagliata analisi...

Decrescere con un Click

"I check up non riducono la mortalità, malattia, disabilità" slow medicine #decrescitafelice — Giulia Di Vita (@GiuliaDiVita) October 28, 2013 Inizia così, con un tweet della Deputata Giulia Di Vita, la nuova polemica della giornata che vede al centro un deputato del Movimento 5 Stelle e l’ennesima proposta antiscientifica, sempre più di moda nel nostro Paese. Un lunghissimo coro di critiche in risposta al tweet va dall’indignazione agli insulti. La Di Vita risponde @nunziarusso4 segui il convegno trovi il link in rete, è un discorso ampio #decrescitafelice — Giulia Di Vita (@GiuliaDiVita) October 28,...

Una proposta per la Scienza in Italia

Volevo scrivere subito dopo lo shock del voto alla Camera sulla mozione anti OGM, un voto, ricordiamolo, preceduto da una bella mobilitazione di base sulla rete che ha visti coinvolti cittadini, scienziati, giornalisti e i tanti che credono che la scienza debba far parte del meccanismo con cui si prendono le decisioni in Italia. È difficile però scrivere dopo aver letto le parole di Marco Cattaneo, o di Roberto Defez (con cui ci troviamo da troppo tempo nelle stesse battaglie, e anche questo è indicativo), o di Andrea Capocci. Chi mi conosce sa benissimo che in molte di queste occasioni me la sono presa più con gli scienziati che con i...

A Biotech-free Parliament in Italy

Not another great example of science-based policy making in Italy. The Italian Parliament is about to vote yet another motion that binds the Government to ask for a revision of GMO regulation in Europe, claim the application of the safeguard clause foreseen in the EU directive, and take actions against the existing cultivation of approved GMO maize Mon810. The text of the motion is full of inconsistencies and flawed data. It uses the Seralini paper to support the existence of new scientific evidences to be considered in order to claim the application of the safeguard clause, despite the publication has been already evaluated and dismissed by...

L’8 Giugno di un sognatore

La manifestazione dell’8 Giugno mi piace. Prometeus ne ha già parlato ampiamente: Davide e Simone nei loro articoli hanno già sottolineato quanto faccia bene al cuore vedere tante facce, spesso nuove, quasi sempre giovani, spendersi così tanto per una causa tanto nobile quanto quella che ha animato la manifestazione nazionale. L’8 Giugno di quest’anno è nato un movimento che forse non esisteva: non parlo delle Associazioni che da tanto tempo lavorano su questi temi (non faccio nomi per non lasciare indietro nessuno, ho collaborato con troppe persone e non posso scegliere), e neanche delle Società Scientifiche che già tanti...